Quelli che ..... Renzi mi ha deluso

Ovvero, gli elettori che si convincono di cose che non sono “farina del loro sacco”

Letto 7099
Quelli che ..... Renzi mi ha deluso

Non sono pochi quelli che ti dicono “sai all’inizio mi piaceva, mi sembrava davvero uno che potesse cambiare le cose, poi con quello che ha fatto...” E li ti domandi: in che senso? Cosa ha fatto Renzi che non è piaciuto? E approfondisci.

La personalizzazione del referendum: se analizziamo attentamente cosa è successo capiamo che c’è un equivoco di base. Renzi ha detto in sintesi che sul Referendum si giocava tutto, perché l’Italia aveva (e ha) bisogno di quelle riforme e che, se fosse andata male, si rimetteva in gioco e mollava. E l’ha fatto! Si è dimesso da tutto. Poi è stato convinto da 1.400.000 persone che si sono attivate per chiedergli di rimanere. Non mi sembra poco! E poi, lui con la sua squadra fidata, ha ottenuto il 41% di Sì. E anche questo non è poco direi. Ma poi tutti si dimenticano che se non l’avesse fatto lui, sarebbe stata l’accozzaglia del No a personalizzare. Per dire votiamo NO per mandare a casa Renzi, non serviva la sua personalizzazione. Era l’unico slogan possibile per bocciare una riforma sacrosanta.

E poi cosa vi ha deluso? Non c’è una ragione valida che possa sostenere che i governi del PD negli ultimi 4 anni non abbiano fatto bene. Qualcuno poteva magari aspettarsi qualcosa di diverso e, certamente, si sarebbe potuto fare meglio. Però non dimentichiamoci come era composta la maggioranza: il PD da solo non poteva fare nulla e quanto realizzato è stato reso possibile solo dalla collaborazione con il gruppo di Alfano. E quando poi si è sollevata anche l’opposizione interna le cose sono state ancora più difficili. Quindi, credo che non possa essere venuta di qui la delusione verso Renzi.

E se poi si pensa di imputargli la scissione, qui si scade verso una interpretazione poco suffragata dai fatti. Renzi, da segretario (vecchio e rieletto) ha dato più volte prova di ascolto. Se si è andati al congresso anticipato e si sono fatte le primarie è stato solo perché si è voluta accontentare l’ala scissionista. Che poi si è dimostrata per quello che è. Tutti pretesti per arrivare a quello che già avevano deciso: mettersi in proprio per non dover scendere a patti con qualcuno più forte, almeno all’interno del PD.

Non dimentichiamoci che non si è andati ad elezioni anticipate per assecondare le richieste degli scissionisti. Alla fine alla accusa di essere divisivo, la risposta è arrivata da chi lo è per natura. Basta vedere che fine hanno fatto le alleanze ricercate da Liberi e Uguali quando persino Pisapia ha dovuto abbandonare. Se poi essere divisivi per voi significa non perseguire con determinazione un programma di governo, allora confermo che Renzi è divisivo. Però concreto.

In conclusione, a mio parere, e senza che questo sia letto come un atto di devozione nei confronti della persona (non è da me! Per me le persone in politica si stimano, se ne apprezzano i valori e le proposte, non si amano né si idolatrano) le polemiche personalistiche verso Renzi sono solo e sempre pretesti per convincere a votare altro.

Letto 7099

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.
Marco Biondi

5 articoli pubblicati per un totale di 14'897 letture
Aggiornato al 31 marzo 2018

www.facebook.com/marco.biondi.102