Roma: tra Raggi e Destra, l’unico è Giachetti. Faccia brillare la voglia di vincere

Piccolo punto su Roma. Tra una destra sempre più unfit, una sinistra-sinistra soffocata dall’antirenzismo e una Raggi eterodiretta che “buca”, l’unico adatto a guidare la Capitale è Roberto Giachetti

Letto 1030
Roma: tra Raggi e Destra, l’unico è Giachetti. Faccia brillare la voglia di vincere

La campagna delle primarie ha indicato l’unico candidato fino ad ora credibile per governare Roma. Roberto Giachetti è infatti il solo dei candidati finora noti che abbia la competenza e la forza politica per governare la “Questione Capitale”. Assieme al governo e anche imponendosi sul governo: contrapponendosi al governo centrale, la Capitale non si governa.

Gli altri che sono in fila sono intrinsecamente “unfit” inadatti. La prova di Storace alla Regione Lazio è stata sconcertante. La Meloni è figlia di Ballarò, non meno che di Alemanno e Polverini, come Nefertiti è figlia del Nilo. Il curriculumdi Bertolaso è un ricordo sbiadito e insincero, quando parla dell’oggi fa casini. Marchini s’è civicamente perso tra i meandri delle destra. La destra è in preda alla salvinite vulgaris, una malattia autoimmune, che dà origine a risposte anomale dirette contro componenti dellorganismo stesso.Per ragioni che con Roma non hanno nulla a che fare.

Lo stesso dicasi per chi si colloca a sinistra del PD: c’è uno scontento incrociato in SEL – divisa tra anti-Renzi e pro-sinistra – verso la grigia esperienza del dirigente di seconda fascia Fassina e anche verso Marino, le cui vere memorie – piuttosto che nel tanto decantato libro in uscita sono in mano ai romani, a Cantone e alla procura. Né, allo stesso tempo, si vede bene perché l’elettorato di Sel non dovrebbe votare per il sindaco Giachetti.

I candidati però non vincono solo perché adatti. La Raggi è stata una lucida scelta di Casaleggio, almeno quanto la decisione di eliminare fisicamente la candidata di Milano. Virginia è “carina” e “buca”, cioè ha passato il provino dei grandi vecchi del Movimento: può piacere a qualunque elettore dummie, anche di destra. Virginia ha sottoscritto, speriamo solo metaforicamente, le dimissioni in bianco che pretende l’Obergruppenführer milanese: è eterodiretta, ma bene. Le basta mostrare una identità sola: essere “contro” quel che c’è stato prima, sempre e comunque. Non deve parlare d’altro. Trasporti e fallimenti? Facciamo pulizia. I soldi? Si trovano facendo pulizia. Sicurezza, periferie, campi Rom? Pulizia e polizia. I rifiuti invadono Roma senza discarica e termo? Basta fare pulizia. I fannulloni? Ma no, ci sono tante brave persone, basta fare pulizia. Gli altri sonosporchi, soprattutto il PD, ma lascia capire che i voti dei fascio-leghisti al ballottaggio non le dispiacciono. Chi si accontenta goda.

Giachetti è di un’altra pasta: è popolare e non populista, è radicale e non radicaleggiante, ha molta più esperienza amministrativa a Roma di tutti gli altri messi insieme, si batte per il rinnovamento della politica da prima di Renzi e anche per questo è libero anche rispetto a Renzi (lo ha dimostrato su punti chiave). E’ costruttivo e non appartiene alla nomenklaturaromana, non ne dipende anzi ne è malvisto. Certo è osteggiato dai pregiudizi del FLAR (Fronte di Liberazione Anti-Renzi). Ma il suo vero nemico è proprio la pessima performance di Marino di cui il PD s’è fatto carico a Roma.

Roma andava commissariata per Mafia. La lunga agonia imposta da Marino per evitare lo scioglimento per mafia – i rimpasti, le dimissioni poi ritirate, i commissariamenti del partito – haaggravato la sensazione che quella classe dirigente fosse senza rimedio. Questo è lo sfondo appiccicoso da cui deve emergere e distaccarsi Giachetti: con le parole (che ci sono), col piglio (che ancora non si vede), con la determinazione e competenza (che invece possiede), e con le liste, non solo la sua ma quella del PD, che deve pretendere siano rivoluzionarie e credibili.

Dopo il sindaco parolaio, Roma ha bisogno di politica, di un’alleanza col governo centrale, di idee serie, forti e realizzabili, su punti chiave come quelli cui Giachetti ha già accennato.  Ma perché prenda forza la sua motivazione a vincere per Romadeve emergere la voglia di vincere in sé. Insomma quello che già c’è in Giachetti, deve brillare. Può.

Articolo originale apparso su Il Rottamatore

Letto 1030

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.
Massimo Micucci

4 articoli pubblicati per un totale di 5'271 letture
Aggiornato al 25 feb 2017

www.facebook.com/massimo.micucci