Ora tutti scoprono che il grillismo è di estrema destra, solo Bersani e Zagrebelsky credono ancora alle favole

Bersani crede a Grillo ma, per precauzione, non guarda

Letto 5011
Ora tutti scoprono che il grillismo è di estrema destra, solo Bersani e Zagrebelsky credono ancora alle favole

Non c'era bisogno delle frasi eversive dell'on. Luigi Di Maio, o delle decisioni d'autorità di Beppe Grillo, per capire che il grillismo è un movimento di destra, anzi di estrema destra, anzi fascista ed eversivo dell'ordine costituzionale. Sarebbe bastato analizzare - come abbiamo fatto io e qualcun altro - i principi fondanti del M5S per comprenderne immediatamente la natura autoritaria e antidemocratica.

Infatti il grillismo rifiuta la democrazia rappresentativa e di conseguenza rifiuta l'autonomia dell'azione politica e istituzionale, ossia l'autonomia dei singoli rappresentanti politici. E questo rifiuto nasce non come conseguenza di un'originale elaborazione teorica ma per un motivo molto terra terra, che può essere scaturito - nella patria di Machiavelli - solo dalle menti di alcuni pericolosi analfabeti della politica.

Ed ecco, a mio parere, il vero motivo del loro rifiuto: "Come si può impedire - si saranno chiesti a suo tempo Grillo e la Casaleggio & C. - che i rappresentanti politici si facciano corrompere e possano rubare?". Elementare, e piuttosto rozza, la loro risposta: togliendo ai politici, alla radice, la loro autonomia e il 'non vincolo di mandato' che rappresenterebbero - secondo le suddette menti imbevute di autoritarismo - lo scudo dietro cui nascondersi per portare a segno tutte le malefatte dei "vecchi" politici. Autonomia e 'non vincolo di mandato' che pure, mi permetto di ricordare, rappresentano uno dei cardini della nostra Costituzione, che il movimento 5 stelle dice di voler difendere a spada tratta (ma solo a chiacchiere, evidentemente!).

Ed era pienamente giustificata la posizione dei nostri padri costituenti, visto che si usciva da una disastrosa dittatura e bisognava impedire che si riproducessero le condizioni per qualche altra avventura autoritaria in Italia. Al contrario, le brillanti menti di Grillo e Casaleggio (padre) cosa si vanno a inventare? Un bel contratto-capestro obbligatorio fra gli eletti del M5S e una società privata, con il preciso intento di scavalcare e di ignorare il dettato costituzionale. Per tarpare le ali ad ogni possibile autonomia dei rappresentanti eletti (dal popolo?) del M5S. Da qui a un regime autoritario il passo è breve.

"L'Unità" ha dato il suggello a questo giudizio sul grillismo, con un articolo di Mario Lavia dal titolo "L'inquietante svolta a destra dei grillini". Si tratta di una presa d'atto sulla base degli avvenimenti quotidiani, ma in realtà non c'è stata nessuna svolta a destra: il M5S ha camminato sempre e solo a destra, all'estrema destra. Solamente un cieco non se ne sarebbe accorto. Ma Pierluigi Bersani, come è noto, va ripetendo dal 2013 che i grillini sono "di centro" e che con essi sarebbe possibile un'alleanza politica. Concetto ripreso qualche giorno fa da Gustavo Zagreberlsky, il quale in un'intervista ha consigliato a Bersani di allearsi con Grillo in modo da fornire al M5S una classe preparata ad andare al Governo del Paese.

Ogni commento mi pare superfluo.

Letto 5011

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.