La riforma della P.A. per un Paese più giusto, semplice ed efficiente

Con questa riforma il Paese torna a credere in se stesso

Letto 1733
La riforma della P.A. per un Paese più giusto, semplice ed efficiente

Se in questi giorni passate per Monterotondo è d'obbligo andare al parco Arcobaleno.

Il pomeriggio, i bambini che giocano, che vanno in bicicletta, sui pattini, che si rincorrono, sono uno spettacolo per gli occhi e un segno, indelebile, della vita. La sera, a partire da ieri sera, lo spazio si trasforma e ospita dibattiti e confronti con esponenti del Governo e delle Istituzioni all'interno della Festa dell'Unità dell’unica città della provincia di Roma sempre amministrata dalla sinistra.

Ieri sera con Alan Ferrari - deputato e componente della Commissione Affari Costituzionali - si è dibattuto su come si può avere un Paese più giusto, più semplice e più efficiente. Il fulcro del cambiamento non può che essere la riforma della Pubblica Amministrazione che questo Governo ha messo al centro della sua agenda di lavoro e che grazie alla competenza e alla tenacia di tutti coloro che ci hanno e ci stanno lavorando rappresenta una delle leve primarie per far ripartire il motore dell'Italia.

Certo è che la "riforma Madia" è una riforma epocale. Una riforma che, lo dice la parola stessa, non è una pezza a colori, cucita su un vestito per far piacere a qualcuno o per mascherare interessi altri, è una rivoluzione dentro e fuori la Pubblica Amministrazione che rimette al centro degli interessi pubblici i cittadini siano essi fruitori dei servizi o dipendenti pubblici.

Dobbiamo abituarci tutti a rivedere il nostro rapporto con la PA. Dobbiamo essere più partecipi e questo lo possiamo fare, oggi, grazie al FOIA (Freedom Of Information Act) e alle nuove regole sull'accesso civico. Dobbiamo pretendere sempre di più servizi efficienti! La riforma della dirigenza, che ne rivede ruolo e responsabilità, la riduzione dei corpi di polizia e il conseguente apporto di nuovo personale all'Arma dei Carabinieri nella quale è confluito il Corpo Forestale sono una risposta concreta e il trampolino di lancio per l'applicazione fattiva della riforma e il rilancio economico della nostra Italia.

Per usare le parole di Alan Ferrari "con questa riforma il Paese torna a credere in se stesso e ad essere un paese più giusto, per tutti".

Sono sicura che i dibattiti previsti per i prossimi giorni e che riguarderanno molteplici aspetti della nostra società e della politica sia nazionale che territoriale, dalla nuova legge sull'omicidio stradale alla Riforma della Costituzione (e molto altro), saranno, come ha ricordato Roberto Amici - segretario organizzativo PD Monterotondo - che ci ha dato il benvenuto alla festa e che è stato il moderatore di questo primo incontro, altrettanto interessanti e qualificati.

Letto 1733

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.
Sandra Pagani

12 articoli pubblicati per un totale di 17'080 letture
Aggiornato al 25 feb 2017

 

www.facebook.com/sandra.pagani.16